23 febbraio 2014

Non c'è crisi che tenga per il sesso: la "Sex is Now", una Srl tra 5 amici imprenditori romani che cede punti vendita hot automatizzati in franchising, ha aperto in pochi anni 40 negozi, vanta un fatturato in crescita, investe in pubblicità e annuncia contatti per aprire a breve nuovi punti vendita a Ibiza, Lugano e Berlino. Così mentre moltissimi piccoli negozi chiudono, l'attività dei self service hot cresce in modo tumultuoso e i punti vendita stanno velocemente invadendo le periferie di molte città (in centro ci sono restrizioni).

A Roma, ad esempio, in alcune zone i punti vendita hard, dati in franchising dalla casa madre si moltiplicano. L'attività va dunque a gonfie vele nonostante la crisi e nonostante si scontri con il problema più sentito, ma da tutti, al momento: la mancanza di credito. Il problema in questo caso è di statuto: le banche non possono infatti investire in attività per adulti. Ma c'è anche la speranza - spiega uno dei titolari - che qualche società si associ nel progetto portando capitali freschi.

Leggi l'intero articolo alla fonte: Il Sole 24 Ore